Regolamento

Premessa
Alla scuola dell'infanzia "A.I. Lombardini" possono iscriversi i bambini che compiono i tre anni e non compiono i sei anni entro il 31 dicembre dell'anno in corso.
La firma del modulo d'iscrizione con il versamento di
€ 35,00 comporta per i genitori la presa di coscienza della identità della proposta educativa della scuola, l'impegno di rispettarla e la disponibilità a collaborare alla sua attuazione, per il tempo in cui il bambino frequenta la scuola stessa. Il versamento va ripetuto per ogni anno di frequenza (giugno) a copertura parziale dei costi di: assicurazione, attività di musica e progett d'inglese per la sez. Grandi. A settembre si chiede il contributo di € 35,00 per le spese di cancelleria dell'anno.

Apertura della scuola
La scuola è aperta dal 1° settembre al 30 giugno - dalle ore 7,45 alle ore 16,00. Per chi lo necessità è possibile richiedere il tempo anticipato (dalle 7.30 alle 7.45) e il prolungato (dalle 16.00 alle 17.00 o alle 18.00). I giorni di vacanza sono stabiliti di anno in anno dal calendario scolastico ministeriale, valido per tutte le scuole.
Al termine della scuola ogni bambino tornerà a casa solo con i genitori o con personale maggiorenne indicato dagli stessi.


Inizio attività
Le attività scolastiche giornaliere iniziano di norma alle 9,15. E’ bene che i bambini arrivino con sufficiente anticipo, anche per poter partecipare ai momenti ed ai giochi d'insieme con i compagni, organizzati con tutte le sezioni. Chi arriva in ritardo, oltre a creare scompiglio nelle attività ormai avviate, dimostra scarso rispetto per gli altri.

La retta

La retta (comprensiva dei pasti del mese precedente) deve essere pagata entro il giorno 10 di ogni mese, indipendentemente dalla frequenza. Si ha diritto ad una riduzione del 30% della retta in caso di assenze da 20 a 29 giorni consecutivi ed una riduzione del 60% per assenze di almeno 30 giorni consecutivi. E prevista una riduzione della retta fissata dalla scuola, per le famiglie a basso reddito. La Segreteria è a disposizione per il disbrigo della pratica relativa.

Quota pasti
La quota pasti è dovuta per il bambino che frequenta la refezione, anche nel caso in cui sia assente e il genitore non segnala l'assenza entro le ore 8,30 - A tale orario infatti la scuola deve comunicare alla C.I.R. il numero di pasti da predisporre. L'assenza non segnalata in tempo è pertanto considerata presenza!!!
 

Igiene personale
Per l'igiene personale occore che ogni bambino frequentante la scuola sia provvisto di: salvietta, tovagliolo, un cambio di biancheria intima e, per chi riposa dopo pranzo, un lenzuolino, un cuscino, una federa e una coperta con misure particolari che l'insegnante vi farà avere per tempo.

Norme sanitarie per la frequenza scolastica
La frequenza di una comunità infantile può essere fonte di rischi per la salute dei bambini, in particolare per quanto riguarda la riconosciuta probabilità di contrarre malattie infettive. Per garantire a tutti i bambini e agli adulti della colletività il massimo del benessere è fondamentale che vengano rispettate alcune banali norme sanitarie che possono consentire sia il contenimento della diffusione di talune malattie sia una migliore qualità della vita all'interno delle comunità prescolari.
Le norme di seguito riporate intendono definire:
1. Le situazioni nelle quali non è consentita la frequenza;
2. Le situazioni per le quali valgono regole specifiche previste da Circolari Ministeriali;
3. Le regole per la somministrazione di farmaci e di diete speciali.

1)
Il bambino frequentante la struttura sarà allontanato se presenta:

  • diarrea con feci non contenibili nei pannoloni;
  • stomatite, specie se vi è abbondante salivazione non controllata;
  • febbre superiore a 38°;
  • vomito ripetuto;
  • congiuntivite purulenta;

e tutte le condizioni che compromettono in modo significativo lo stato di salute del bambino impedendogli di partecipare alle attività di gruppo.

In tali casi si inviteranno i genitori al più rapido ritiro onde evitare possibilità di contagio e ulteriori peggioramenti per il bambino stesso.

Qualora queste norme non vengano rispettate da parte dei genitori, il personale insegnante può rivolgersi al Pediatra di base o al Pediatra di comunità del Servizio Pediatrico (AUSL) per una precisa valutazione dello stato di salute del bambino.

2) La Circolare del Ministero della Sanità (n. 4 del Marzo 98) e della Regione (n. 21 del Novembre 99) prevedono
norme di isolamento specifiche per le seguenti malattie:
MORBILLO: Allontanamento per 5 giorni a partire dalla dalla comparsa dell'esantema.

PAROTITE: Allontanamento fino a guarigione clinica e per 9 giorni dalla comparsa della tumefazione parotidea.

PERTOSSE: Allontanamento fino a 5 giorni dall'inizio della terapia antimicrobica o per 3 settimane se non si interviene con terapia.

ROSOLIA: Nessuna restrizione (le gestanti devono evitare il contatto con i malati).

SCARLATTINA: Allontanamento per 2 giorni dall'inizio di idoneo trattamento antibiotico.

VARICELLA: Allontanamento per 5 giorni dalla comparsa delle vescicole.

PEDICULOSI: Allontanamento per almeno 24 ore dall'inizio di un adeguato trattamento di disinfestazione certificato dal Medico curante.

TIGNA CAPITIS: Nessuna restrizione purchè sottoposto ad adeguata terapia.

TIGNA CORPORIS: Esclusione da palestre e piscine per la durata del trattamento.

EPATITE VIRALE DI TIPO "A": Isolamento del caso per 15 giorni dalla diagnosi o 7 dalla "comparsa" dell'ittero.

EPATITE VIRALE DI TIPO "B": Allontanamento in fase acuta fino a guarigione clinica. Nessuna restrizione per l'ammissione in collettività dei soggetti portatori di AbsAg.

ALTRE EPATITI VIRALI: Idem.

MENINGITE da Meningococco: Allontanamento fino a guarigione clinica e isolamento per 24 ore dall'inizio di idoneo trattamento antibiotico.

MENINGITE da Haemophilus: Allontanamento fino a guarigione clinica e isolamento per 24 ore dall'inizio di idoneo trattamento antibiotico.

MENINGITE da Pneumococco: Allontanamento fino a guarigioni clinica.

FEBBRE TIFOIDEA: Allontanamento fino a guarigione clinica e esecuzione di 3 coproculture.

SHIGELLOSI (DISSENTERIA BACILLARE): Allontanamento fino a completamento della terapia antibiotica, scomparsa della diarrea e esecuzione di 2 coproculture.

Dopo tali malattie, per le quali c'è obbligo di denuncia, il rientro nella struttura è subordinato alla presentazione di certificato medico anche se l'assenza non è stata superiore a 5 giorni consecutivi.

Per le seguenti malattie le modalità dell'allontanamento e della riammissione sono state definite con protocolli interni tra Servizi dell'Azienda USL:

SALMONELLOSI: Allontanamento fino a guarigione clinica. La riammissione di un soggetto portatore sano è possibile solo dopo valutazione della struttura scolastica da parte del Servizio Pediatria e Salute Donna e viene rilasciata da quest'ultimo.

SCABBIA: Allontanamento fino a completamento della terapia. La riammissione è possibile solo dopo valutazione delle condizioni di salute dell'alunno e viene rilasciata dal Servizio di Igiene Pubblica.

Ricordiamo che per ogni assenza che si protrae per un periodo continuo superiore a 5 giorni consecutivi (compresi i giorni festivi), come previsto dal DPR 1518/67, la riammissione del bambino è sempre subordinata alla presentazione di certificato rilasciato dal Pediatra di famiglia se l'assenza non è stata motivata in anticipo (vacanze, settimane bianche, ecc.).

3) Precisiamo inoltre alcune regole:

  • La richiesta dei genitori di somministrare farmaci durante l'orario scolastico, che coinvolga operativamente personale della scuola, può essere soddisfatta solo con certificazione del pediatra.
  • Nel caso in cui il bambino sia affetto da patologie croniche oppure siano in atto patologie di breve durata ma che necessitano di diete speciali è necessario presentare certificazione del proprio medico curante riportare i tipi di alimenti vietati e i limiti temporali del divieto.
  • Per evitare la possibile trasmissione di malattie attraverso alimenti (tossinfezioni alimentari) non è consentito introdurre nella scuola cibi provenienti dall'esterno. Potranno essere tollerate solamente le torte di compleanno purchè rispondenti ai requisiti di sicurezza: cottura completa in forno, senza successiva aggiunta di componenti fresche (panna, crema, uovo crudo); tali caratteristiche verranno verificate dalla cuoca.